TRENDING

giovedì 26 giugno 2014

Primavera Sound 2014 (Sabato 31-05) *

Sembra passato un secolo da quando al Primavera entravamo a 20 euro dopo mezzanotte e  dalla zona di elettronica passavamo alla zona dei concerti, un decennio da quando il punto di riferimento era la terza colonna da sinistra e quinta dal fondo, per vedere Kid koala o Diplo sotto al colonnato che ora e' la zona ristorazione.
Era 20 tonnellate in meno di hipsters fa quando si poteva ottenere facilmente una accreditazione con photopass e riprendere parte dei concerti che ora viene sempre e continuamente negata, anche essendo a pagamento.
Il Primavera ormai e' al 100% il festival piú grande e prestigioso della Spagna, ed indubbiamente il Glastonbury dell'Europa mediterranea.

La mia teoria del PS quest'anno si e' riconfermata: mi piace un anno si e uno no.
Dopo la pessima esperienza dell'anno scorso, il Primavera Sound 2014 'e stato quasi eccellente.
Grandi miglioramenti nell'organizzazione, la struttura a due palchi frontali ricorda a festivals tipo Fib e permette di poter vedere i gruppi senza dover correre da una parte all'altra del recinto perdendo il 70% della programmazione, e l 'aggiunta di una uscita vicino a questa zona permette un ritorno piu' accesibile alla zona dell'anfiteatro e degli altri palchi, eliminando un buon 30% della gente che dopo il concerto principale se ne torna a casa.
Io quest'anno avevo due unici obbietivi: NIN e Foals ; la sorte ha voluto che stessero tutti e due in questa zona, conseguentemente fino alle 3 non mi son mossa dal fondo del festival, e sicuramente questo dettaglio ha influito sul mio livello di gradimento dell'evento.

Finalmente viene tolta la ruota panoramica molto Glastonbury,  ma poco pratica in uno spazio come il forum dove le distanze sono decisamente eccessive.
Aumentano i chioschi per cenare, situati anche nella seconda zona dei concerti principali.
Miglioramenti anche al bar: piú posti, personale sempre portoghese che non parla una parola di spagnolo, ma un servizio molto piu' rapido da quando sono stati eliminati i tickets, anche se quest'anno piu' caro.

Sabato pomeriggio il rischio temporale sembrava mettere in pericolo la riuscita della serata e fino alle 20 non c'era molta la gente nel Parc del Forum.
Dopo un primo giro di ricognizione in cui abbiamo notato i miglioramenti della struttura, la prima tappa sono i Television, francamente non molto interessanti.  Il Marque Moon é meglio ricordarlo quando lo ascoltavo in casa numerosi anni fa.

Purtroppo non si fa in tempo a andare a vedere John Talabot nella Boiler Room, e altro grande errore e' stato neanche provare a entrare a BuzzCock pensando di non poter andare senza biglietto richiesto nel pomeriggio per poi scoprire che tutti i propri amici arrivati al festival alle 23 erano riusciti a vederli senza problema,  mentre annoiata mi alternavo fra Volcano Choir  e Kendrick Lamar.
Poi finalmente arriva l'ora dei Nine Inch Nails.
Dopo anni e' la prima volta che riesco a vederli, accecata dal gioco di luci delle strobo, Trent Reznor e' soci mi hanno regalato un concerto come io immaginavo sarebbe dovuto essere un concerto dei Nin.

Una setlist un poco irregolare all'inizio, per poi dar tutto negli ultimi brani e finire con una splendida Hurt.
Grazie Primavera per darmi ogni anno la possibilitá di vedere uno dei miei gruppi preferiti..spero sinceramente che quest'anno sia stato l'ultimo!!!
Finite i Nin senza correre posso recarmi a vedere il mio nuovo gruppo preferito esattamente nel palco di fronte, quando la metá della gente accorsa a Nin si dirige in direzione anfiteatro per vedere Chromeo, l'unico concerto che mi e' seriamente dispiaciuto perdere quest'anno.
I Foals e' meglio sentirli perlomeno da davanti il mixer, le parti strumentali, i bassi, non rendono in uno spazio eccessivamente grande. Setlist uguale al Dcode, buon concerto, ma purtroppo da me non vissuto con la giusta intensitá. Riconosco che dopo Nin in ogni caso sarebbe stato difficile reggere il confronto, ma con la distanza che mi separava dal palco e' stato semplicemente impossibile.
Inhaler se non sei vicino non rende, Spanish Sahara meno... Errore mio, perche' il concerto e' stato comunque impeccabile e spero di riuscire a vedere la band finalmente in un concerto in sala e non in festival come tutte le altre volte che li ho visti.

Da Foals ci spostiamo a Cut Copy, ammetto che sentire tutta la gente entusiasta con Chromeo a quest' ora della notte faceva un po' invidia. Foals son stati bravi, ma troppo lontani, Chromeo pare sia stata una gran festa.
Cut Copy come sempre, ballabili, divertenti, ogni canzone sembra quella di prima, ma a quest'ora vanno piu' che bene.
Finiamo la serata con Dj Coco nell'anfiteatro.
Come ogni anno, il fondatore del PS dimostra essere un gran manager di festival ma un discreto dj, in ogni caso, data l'ora la sua sessione si converte in una festa assoluta, anche se mixa Kelly Clarkson con Arcade Fire. Maschere di carta con la sua faccia, coriandoli, stelle filanti, chiudono alle 6 e 30 della mattina, una delle piú riuscite edizioni del festival.

Per quanto mi riguarda il Primavera negli ultimi anni mi ha portato tutto quello che realmente morivo per vedere; Da Pulp a Pixies, a Blur e Cure, con Nin in teoria si dovrebbe essere chiusa una tappa,  e non c'e' nessun altro gruppo che mi manca da vedere per il quale e' imprescendibile andare al Forum.

Calcolando che Bowie e Daft Punk non andranno al Primavera 2015, l'unica opzione per dare per certa la compra del biglietto del prossimo anno e' che ritornino i Cure..  o no??? Ne riparleremo verso novembre, aspettando ansiosi le prime anticipazioni...


* Quest'anno non abbiamo potuto fare foto, tutte le foto sono delle rispettive pagine da cui sono linkate








 
Back To Top