TRENDING

News

Festival

Concerti

Italia

giovedì 4 febbraio 2016

17 Anni di Subsonica

Tantissimi anni fa scoprì un gruppo italiano che all'improvviso mi aveva fatto capire che non esiste solo la musica in inglese: questo gruppo si chiamava Bluvertigo, e pur non chiamandomi molto l'attenzione nei primi due album, con Zero m'innamorò completamente. E così dopo un paio di concerti al Palacisalfa, un giorno andai sola ad un live a Radio2 della band di Monza.

Correva giusto il tempo in cui Morgan, il cantante, aveva deciso di scrivere una canzone per un gruppo "reggae/dub" che stavo iniziando a sentire e non mi dispiaceva, la canzone era una tale "DiscoLabirinto".

 


Quando mi recai da sola a RadioRai per il concerto dei Bluvertigo feci amicizia con altre persone che stavano esattamemente come me, e che mi dissero che la settimana successiva il gruppo "reggae/dub/elettronico" che aveva una canzone che si chiamava Preso Blu che non mi disgustava per niente, avrebbe suonato all'Alpheus e successivamente al Forte Prenestino.

Andai all'Alpheus e da lì capì che al glam dei Bluvertigo, preferivo molto di più l'elettronica dei Subsonica. 

Finalmente stavo trovando una giusta evoluzione al "mio" tipo di suono preferito.

I Subsonica hanno sempre avuto quel fondo più duro, più digitale, più vicino alla cultura club del d&b, della techno e dell'house che mi ha sempre attirato.... i Bluvertigo a volte erano troppo sofisticati e cantautoriali per i miei gusti, e la c arriera di Morgan in solitario non ha fatto altro che confermare questo mio pensiero.

Aggiungiamo quindi ad una buona dose di elettronica, una semantica futuristica e un lessico di cyberpunk sentimentale di cui tutt'ora non comprendo il senso ma che suona benissimo e che mi riporta al tanto adorato e letto Philip K. DicK e arriviamo quindi a Microchip emozionale.
 
Quel periodo era incredibile: una settimana suonavano i BV a Radio2, la settimana dopo i Subsonica all'Alpheus, quella dopo ancora i Bluvertigo al Piper, quella dopo ancora i Subsonica al Forte....in un mese da che non li avevo mai visti, già li avevo visti 4 volte.
Non appartengo quindi alla primissima generazione di fans, diciamo che li ho presi a metà fra Subsonica e Microchip, ma i primi concerti "fotocopia" che adoravo sono stati quelli del secondo album.



E da lì in poi sono stati 17 anni pieni di ricordi e flash: palacisalfa, intifada, branca leone, alpheus, Modena, saxa rubra, capannelle, marino, faberbeach, Fiesta, Nettuno, Enzimi, Cinecittà, Feltrinelli, Auditorium, Rock in Roma, Razzmatazz, Goa, Apolo, Tor di valle, Amore, la Macarena, Pornodrome, Trastevere, Ostia e Latina... O l'ultimo: ritrovarti Samuel il giorno del tuo compleanno nel bar di un amico e fare finta di nulla mentre i tuoi amici ti festeggiano pregando che nessuno si renda mai conto che Samuel sta seduto al tavolo a fianco.. Perchè sai perfettamente che accollo sei stata durante gli anni dell'Università per numerosi amici tuoi che t'hanno dovuto accompagnare dapertutto e non è proprio il caso che si rendano conto che uno dei loro peggiori incubi stia lì.

 
E il dj set di Krakatoa il giorno prima del Sonar al Liquid di Barcellona ?! O i 9 spagnoli/sudamericani che mi son portata al primo concerto a Madrid o quel mix di messicani e catalani a Barcellona?
O quando per caso vado a la Macarena, la mia discoteca preferita di Bcn, e mi ritrovo Samuel come dj?! 
Suonavano all Apolo quella sera, ma mai avrei immaginato che sarebbero finiti a fare un after show nel mio antro favorito.
Sono così tanti i ricordi che ho legati al mondo Subsonica che non so neanche quante cose non mi ricordo più.
Con gli anni cambiano poi le valutazioni; ora mi rendo conto che Amorematico é una meraviglia di disco, che la mia imparzialitá dopo Tutti i miei sbagli e il lancio massivo del gruppo non m'aveva fatto apprezzare sufficientemente la terza opera della band. Sarà pure che con gli anni mi sono avvicinata sempre di piú alla elettronica, ma ora più lo risento più mi rendo conto che il terzo album del gruppo forse è il migliore dei sette.
Poi all'improvviso arriva Incantevole.
Vade retro, se Nuvole rapide in un primo momento non l'ho capita Incantevole non posso e non voglio concepirla mai.

E quando sembrava che tutto fosse tornato a suo posto con L'Eclissi ecco che arriva Istrice. E poi non contenti arriva pure Di domenica, perché su Lazzaro ci passiamo sopra...che il materiale multicam m'è servito a imparare a montare in multicamera con qualsiasi software..

Anche se ormai non li ascolto da tanto, gli album dei Subsonica fanno parte della mia vita:

Subsonica é Subsonica.
Microchip emozionale, sentito fino alla nausea ma é perfetto.
Amorematico è semplicemente da paura
Terrestre è il disco di Incantevole ma è anche il disco di "Alba a quattro corsie"
Eclissi,  grazie per farmi ricredere in voi
Eden, adoro Eden , odio Istrice, ma adoro Eden sala danze domenica aperto.
Una nave in una foresta ha una delle migliori open track del gruppo.

E poi come non ricordami del mio VideoInstantanee? Un database video delle esibizioni del gruppo tutto in flash, uno dei miei primi esperimenti in web...un duro lavoro di cattura e digitalizzazione che è stato saccheggiato nel corso degli anni dagli utenti di YouTube senza manco una citazione, ma che ancora appare fra le basi di emergenza. (n.d.r tutte le esibizioni di SanRemo, SanRemo Estate, MatchMusic...tutto, tutto saccheggiato, come il video di DiscoLabirinto che ho inserito qua sopra)

 


Quante volte li ho visti fino ad ora? Non ne ho idea...sicuro tante.

E domani and allo Spazio Novecento....e c'and pure dopodomani, perché... ti pare che suonano due volte e andiamo solo una?? 
Non li rivedrò fino al 2018 sicuro.. e  io vengo pure da Madrid...

lunedì 1 febbraio 2016

Utopia Festival: la musica dance arriva a Madrid.

Sabato 5 e domenica 6 giugno si svolgerà a Madrid la prima edizione dell'Utopia Festival che pochi giorni fa avevavamo annunciato come Madrid Dance Island.

Pare che i dubbi sulla effettiva realizzazione del festival possono essere appartati, in quanto la manifestazione si svolgerà nel Campus della Università Complutense con un orario molto differente dai festival spagnoli ma ben più simili ai grandi eventi di elettronica del resto d'Europa.

L'Utopia Festival, organizzato da Glaciar, aprirà le sue porte da mezzogiorno all'una di notte.


La presentazione ci fa immaginare una sorta di DreamLand spagnolo, durante la settimana della celebrazione del festival verranno realizzate conferenze e masterclass sulla cultura della musica dance.

Oltre all'orario c'è da segnalare la opzione di rivendita autorizzata che permette il festival:
se siete fra i 3000 primi acquirenti e non potete o non volete recarvi all'evento, l'organizzazione garantita la ricompra del proprio abbonamento all'80% del prezzo fino a due settimane prima del festival.

Oltre a David Guetta e numerosi nomi dello stile, segnaliamo Martin Solveig che nel Rock in Rio del 2012 è stato il miglior dj e Rudimental, che offriranno un concerto dal vivo.



Ammettiamo di aver dubitato molto sulla natura del festival essendoci purtroppo abituati agli sciacalli della musica EDM commerciale, ma il fatto che il festival sia sponsorizzato da Estrella Damn e da Spotify e si venda su Ticketea, oltre ad essere nelle Complutense e di giorno, ci ha riaperto la speranza che finalmente anche il mondo della dance più accessibile possa avere a Madrid un macrofestival legale e non solo eventi ingannevoli promozionali da organizzatori di macro discoteche e che non vendono biglietti presso i canali officiali.

L'unica cosa che non riusciamo a comprendere è perché i due eventi principali di Madrid siano stati organizzati lo stesso fine settimana del Primavera Sound e del Sonar. Dal 9 all'11 giugno non si può mettere musica dal vivo a Madrid?! o finisce Dj Coco e dobbiamo venire correndo alle 12 alla Complutense?!?

L'offerta iniziale è di 59.99 euro fino a domani 2 di febbraio.





sabato 30 gennaio 2016

Sold Out gli abbonamenti del Primavera Sound! E ora?

Per la prima volta, dopo sedici edizioni, gli abbonamenti del Primavera Sound sono esauriti ben quattro mesi prima del festival e solo dieci giorni dopo l'uscita della line up intera, esattamente come da vari giorni veniva preavvisato in twitter da parte di Gabi Ruiz, uno dei direttori del festival.


Calcolando che il Primavera l'anno scorso ha raccolto 175000 persone durante i tre giorni della manifestazione, ma sopratutto che il Forum è immenso, non possiamo non parlare di un grandissimo successo per l'organizzazione che è riuscita a trasformare un festival spagnolo nato dentro Poble Espanyol in un evento imperdibile internazionale e  sold out in pochissimi giorni come Glastonbury o il LollaPalooza.


Dalle reti sociali del festival è stato comunicato che ancora rimangono i biglietti giornalieri che quest'anno sono usciti direttamente a prezzo unico di 80 euro e non aumenteranno in vicinanza delle date. Il Primavera metterà in vendita 50.000 biglietti per giorno.




L'anno scorso durante la conferenza stampa del finale della manifestazione era stato chiesto se l'organizzazione stesse contemplando l'idea di aumentare la capacità del recinto. Risposero al momento che no, c'è qualche possibilità che cambino di idea più avanti? Da un lato speriamo di no, decidere di non aumentare la gente nel Forum mi sembra una saggia decisione. 

Radiohead, Brian Wilson, LCD Soundsystem, Push T, Pj Harvey, Tame Impala, Sigur Ros, Beach House, John Carpenter e Animal Collettive sono alcuni fra i numerosi artisti che formano questa line up #primaveraallstars , anche se è chiaro che il Primavera Sound ormai è una marca che è riuscita a conquistare la fiducia degli amanti della musica.

A questo punto ci vogliamo dedicare a darvi dei consigli pratici per chi è rimasto senza il pass dei 3 giorni e sta pensando di comprarlo a chi non può andare.

Innanzitutto assicurarvi che tramite delega possiate entrare con l'abbonamento a nome di un'altra persona se comprato nel portale del Primavera Sound, fino ad ora non ci sono mai stati problemi , ma è meglio esserne sicuri. 
Se no i biglietti acquistati su TicketMaster generalmente non sono nominativi e quelli comprati su Atrapalo sul quale appare il numero del documento del compratore possono essere cambiati semplicemente telefonando e facendo il cambio di assistente prima di andare al festival con i rispettivi nuovi dati. (Al momento ci risulta che Atrapalo vende solo per il Nos Primavera, non sappiamo se ha venduto abbonamenti)

Il mercato della rivendita di abbonamenti chiaramente impazzirà in poche settimane. Vi consigliamo per chi è costretto a comprare di seconda mano di cercare nei forum o nelle pagine Facebook dedicate specificatamente al festival. Nel caso dell'Italia il gruppo Facebook Primavera Sound Italia per esempio.
In queste piattaforme normalmente nessuno cerca di ricavare un guadagno dalla vendita dei biglietti. 
Una seconda opzione potrebbe essere il forum di Last.fm sotto l'evento Primavera Sound, e una ultimissima opzione i portali di seconda mano come MillAnuncios.com o Segundamano.es.

E'assolutamente da evitare tutta la rivendita di pagine sicure come VIAGOGO e SeatWave, sciacalaggio musicale puro. Senza dubbio riceverete il vostro biglietto ma la differenza di prezzo assurda che dovrete pagare non andrà alla persona che vende, va tutto alle due pagine intermediare. Al posto di questo consiglio cerca rei biglietti in posti sicuri per amanti della musica o se no comprare i pass giornalieri, vi risulterà comunque più economico una volta che sommate tutte le spese di gestione.

In ogni caso se siete sicuri che perlomeno un giorno non ve lo volete assolutamente perdere, io vi consiglierei di prendere già i giornalieri, che un tempo erano la prima cosa che finiva.








venerdì 29 gennaio 2016

Tricky pubblica “Skilled Mechanics”, il disco che presenterà a Marzo in Spagna.



In occasione dell’uscita del nuovo disco “Skilled Mechanics”, Tricky visiterà la Spagna in Marzo in quattro città differenti:

Barcelona , San Sebastián, Santander e Madrid


Il nuovo disco, contraddistinto da uno stile minimalista, si avvale di numerose collaborazioni fra cui quelle di Dj Milo e Luke Harris, ed è composto da otto canzoni originali e due cover : “Diving away”, versione di “Porpoise Head” dei Porno for Pyros e "Bother" degli Stone Sour.



TRICKY PRESENTS "SKILLED MECHANICKS" 
11-MAR - BARCELONA - APOLO bit.ly/1SH0CHR
12-MAR - SAN SEBASTIAN - KURSAAL bit.ly/1nJ41ce
13-MAR - SANTANDER - ESCENARIO SANTANDER bit.ly/1PuZSFc
16-MAR - MADRID - JOY ESLAVA bit.ly/1Vk5fVZ



giovedì 28 gennaio 2016

Inizia a Madrid il CCMAD: Madrid Creative Commons Culture & Film Festival dal 28 al 31 Gennaio


Se questo fine settimana vi trovate a Madrid vi consigliamo di fare un salto a Lavapies e  visitare la Casa Encendida o il Centro Sociale La Tabacalera dove da questa sera  alle 20.00 inizia la quinta edizione del 
Madrid Creative Commons Culture & Film Festival, (CCMAD) un grande evento di cultura digitale totalmente gratuito.



Arrivato alla sua V edizione, il CCMad si dividerà nelle sue quattro giornate in quattro temi principali:  Musica e sovversione, Empatia, Cultura Digitale e Tecnopolitica.
Oltre a raccogliere alcune delle migliori opere di narrativa audiovisiva e documentari con copyright Creative Commons , sarà possibile poter assistere a progetti con alto interesse sociale, accompagnati da seminari e corsi di perfezionamento, workshop tematici e attività parallele.


MÚSICA-SUBVERSIÓN: Giovedi 28 nel Centro Sociale La Tabacalera alle ore 20.00   “La más macabra de las vidas”  apre il primo giorno del festival e racconta la storia della transazione -transizione alla democrazia attraverso Eskorbuto, il gruppo punk di Bilbao che ha rivoluzionato la musica nei primi anni Ottanta ed è diventato una leggenda della controcultura spagnola. Successivamente verrà proiettato  il film "Un lloc on cauce mort” dopo il quale si svolgerà il dibattito Cine, Música y (Posibilidad de) Subversión, che coinvolgerà i direttori di entrambi i film Kikol Grau e MA Bianchi (cantante della rock band Manos de Topo)


 
EMPATIA NELLA DIVERSITÀ: Venerdì 29 presso la Casa Encendida si potrà partecipare al workshop “The machine to be another” alle ore 18.00 che ci permetterà di sperimentare come sarebbe stare nel corpo di un' altra persona tramite tecniche di realtà performative e virtuali, l'iscrizione al taller avrà un costo di 5 euro.  L'evento sarà completato dalla proiezione di "La puerta azul" e "Yes we fuck!" - Progetto sulla sessualità e la diversità funzionale - e dal successivo dibattito "Il corpo come campo di battaglia", con Raul de la Morena  e Soledad Arnau.
 

CULTURA DIGITALE: Tutte le attività di Sabato 30 avranno come tema la cultura digitale popolare e si svolgeranno nella La Casa Encendida dalle 17.30 Si comincerà con il workshop Las tripas de youtube" che ci porterà a comprendere il funzionamento di questo colosso che fa parte della nostra vita. Si continuerà con conferenze e dibattiti sulla cultura popolare con l’intervento di esperti come Jaron Rowan, Margarita Padilla, e Stéphane Thick o Mattia Fritsch regista del film che si proietterà successivamente "La Storia di Technoviking, Matthias Fritsch", e che  racconta un caso paradigmatico delle peculiarità e le tensioni tra la cultura digitale e la logica e le meccaniche sociali e legali preinternet.

TECNOPOLÍTICA E INTELIGENCIA COLECTIVA: La conferenza “Tecnopolítica abierta y e inteligencias colectivas” inizierà la quarta e ultima giornata della  della V edizione di CCMad Madrid Creative Commons Culture & Film Festival con interventi  di Bernardo Gutiérrez, Carmen Lozano, e Nuni Comerma di Marea Azul, responsabile dell'iniziativa, CORRESCALES , il più grande progetto di crowdfunding sociale della storia, con 140.000.00 € raccolti contro la precarietà.

Quest'anno il CCMAD aprirà anche un dibattito su twitter "Activismo de clic y el de calle" "l'attivismo del click  e della strada", che discuterà i punti di forza e di debolezza del rapporto di queste due tipologie di azione.Centrandosi nell’era  di sovraccarico di informazioni in cui viviamo,  si proporranno domande come chi interpreta queste informazioni? O , come stiamo interpretando il parallelismo tra i movimenti della strada e quelli digitali? È possibile partecipare attraverso l'hashtag #ccmad2016.
 



mercoledì 27 gennaio 2016

KRAFTWERK 3-D | "The Catalogue - 1 2 3 4 5 6 7 8" arriva al Guggenheim di Bilbao il prossimo autunno


I Kraftwerk annunciano un prossimo tour in Spagna nel quale presenteranno la loro serie di concerti in 3D durante otto notti consecutive nel Museo Guggenheim Bilbao, con una capienza limita a 800 spettatori per serata.


Iniziando con Autobahn, ogni notte verrà ripercorso dal vivo uno degli album del gruppo, secondo l’ordine cronologico di pubblicazione, accompagnato da altri brani leggendari del proprio repertorio, il tutto accompagnato da uno spettacolo in 3D che per chi non ha avuto ancora la fortuna di vederlo è sicuramente un’occasione da non perdere.


Autobahn (1974) - 7 Ottobre

Radio-Activity (1975) - 8 Ottobre

Trans Europe Express (1977) - 9 Ottobre

The Man-Machine (1978) - 10 Ottobre

Computer World (1981) - 11 Ottobre

Techno Pop (1986) - 12 Ottobre

The Mix (1991) - 13 Ottobre

Tour de France (2003) - 14 Ottobre



I biglietti verranno messi in vendita da martedì 9 febbraio a partire dalla 10 tramite la pagina di  doctormusic.comticketmaster.es e presso la Fnac, Viajes Carrefour e Halcón Viajes, e per telefono al 902 15 00 25. 
Il prezzo del biglietto sarà 70 Euros (spese di gestione a parte) e se ne potranno comprare al massimo 4 per persona.

IMPORTANTE!!!!!

A richiesta del gruppo, i biglietti verrano contraddistinti dal numero del DNI del compratore che per poter entrare dentro il recinto dovrà accedere munito di documento con il resto delle persone per le quali ha comprato il biglietto. 
I biglietti nominativi non permetteranno l’accesso alla sala al pubblico se non si soddisfa questo requisito, così come ogni acquirente potrà comprare i biglietti esclusivamente per uno degli otto concerti.



Speriamo quindi che con tutte queste precauzioni non sarà possibile incontrare su Seatwave o Viagogo i biglietti per questo evento unico a 1000 euro come al solito..

 
Back To Top