TRENDING

martedì 9 ottobre 2012

YouFest 2012, Sabato 29 Settembre e Conclusioni

Dopo la pioggia del giorno precedente, finalmente il sole splende sulla seconda e ultima giornata del YouFest.
Entrando a un'ora più normale di ieri, il primo gruppo che vediamo è Battles.
La band americano si caratterizza per la sua sperimentazione strumentale, e pur essendo solo in tre, in concerto hanno una potenza 2000 volte più forte che in disco.
Succesivamente passiamo alla Gala, che malgrado il tempo fosse migliore, di per sè era decisamente più sottotono della sera precedente.
Il tutto ha inizio con un video di una navicella spaziale con a bordo Keenan Cahill, fenomeno del playback in Youtube, presente in video di David Guetta o Lady Gaga.
Primo artista a esibirsi è Daler Mehndi in puro stile Bollywood, dopo aver giù suonato nell'altro palco prima di Battles.
Ritorna poi Wendy Sulca per l'ennesima volta con una versione di Like a Virgin, seguita poi da una ragazzina a cui non funziona il microfono, e i Kaoma con la Lambada.
Questi ultimi poi accompagnano a Shakiro, che obbiettivamente canta in un modo incredibile, in una On The Floor, Whatever Whenever e il Waka Waka.
A questo aggiungiamo alla fine el "Chombo" con la famosa "El gato Volador" e il cantante lirico di talents Paul Potts e un po' di altra gente...fino al gran finale con Los Manolos cantando "amigos para siempre". 

In generale, malgrado il buon tempo, la gala è molto meno a tono che quella della serata precedente, spenta però dalla pioggia.
Grazie al cielo arriva il momento di Rick Astley che pur essendo una icona di YouTube con la sua "Never gonna give you up" messa al posto di qualsiasi "preestreno" musicale,  si dimostra un buon frontman nostalgico degli anni 80 e comunque, una gran voce.
E poi finalmente Underworld, concerto migliore del festival che dimostrare come in realtà, un po'questa pagliacciata di Youtube ha i suoi limiti.
Underworld, che rigorosamente in tutti i festival son un headliner abbastanza mediocre sulla carta, ma ottimo nel momento dell'esecuzione, conferma il suo status di gruppo perfetto per chiudere un festival anche in questo caso.
L'atmosfera da rave  inglese degli anni 90 è perfetta, il Matadero non chiude fino all'una e mezza e finalmente Born Slippy dura solo 5 minuti!!!!!!
Finito il Matadero di corsa alla Riviera, giusto in tempo per rivedere Delfin e le sue Torri Gemelle, Chimo Bayo e la sua "Extasy", Ntesky, un gruppo di drum'n'bass stile Nero etc,(da pubblico Linkin Park), band che ha iniziato molto bene ma dopo un'ora era terribilmente monotona , per poi concludere con Diplo, che fra i ballerini del YouFest particolarmente volgari, la musica più Major Lazer che sua, sinceramente è stato decisamente una delusione. Peccato perchè la prima volta che vì a Diplo mi sembrò il dj migliore che avessi mai visto, ma ogni volta successiva mi delude sempre di più.


Conclusioni del YouFest, nel bene e nel male:




Il festival è di base una presa in giro che l'unico modo che ha di vendere qualche biglietto è mettere dei gruppi seri, tipicamente festivaleri come Primal Scream, Underworld, Battles, Boraka Som Sistema, Diplo etc. e  grazie a questi nomi si assicura un minimo di gente sicuro.

E' un festival che gioca sul ridicolizzare "artisti" che dal ridicolo han creato la loro fama, un festival da una matrice particolarmente snob.
Non si sa se coscientemente o meno, ma sicuramente c'erano cose qualitivamente più interessanti di Delfin come Kutiman o Masta Mic, ma l'attenzione era focalizzata per tutti  su "Israel, Israel que bonitos e Israel" o su Chimo Bayo.
Il problema del festival fondamentalmente  era che fosse organizzato dal Parioli Pocket del posto.
Nel senso, non si è mai visto un festival dove il 99% dell'organizzazione son una massa di pariolini fighetti, e che il 99,9% della gente presente sia solo o VIP, o ARTISTAS, o INVITADOS o PRENSA.
Nella Sala Vip c'era più gente che in tutto il Matadero. Non c'era una sala stampa. 
Poi... la gente non paga 30 euro per vedere a la Tigresa de Oriente, Shakiro etc...normale che tutti quelli che stessero lì fossero entrati gratis, se poi ci aggiungiamo la pioggia...dimentichiamoci proprio i paganti.
Avranno perso molti soldi? Dalla incredibile copertura mediatica, che neanche il Primavera Sound, non si direbbe a prima vista..
Sulla carta si. Anche se è vero che c'erano 300 sponsor e quindi c'vranno rimesso poco, e il programma COSTAVA UN EURO!! e che comunque solo con tutte le volte che hanno cantato Delfin, Wendy, Chimo e Tigresa, che molto non saranno costati, gli hanno riempito un 70% di cartel..
Dall'altro punto di vista: per quantità di gente festival perfetto. 
Quest'anno probabilmente il festival più divertente e "tranquillo". Tutto vicino, comodo..peccato per la pioggia..
Poca gente, buen rollo,peccato per i Parioli Pocket di turno.. non son credibili organizzando un festival dei "Freaks " di YouTube...il risultato è un festival snob che prende in giro i proprio artisti, e che in sè non crede in quello che sta vendendo.


 
Back To Top