TRENDING

giovedì 18 febbraio 2016

Massimiliano Martines: Ciclo di Lavaggio

Ciclo di Lavaggio è il nuovo album di Massimiliano Martines, un’artista pugliese trasferito a Bologna che dopo diverse importanti esperienze nel teatro e nella poesia, ha deciso di scegliere la musica come mezzo d’espressione per sintetitizzare questi due mondi.

Non conoscendo nessun lavoro precedente dell'autore, dobbiamo ammettere che quando abbiamo messo su il cd Ciclo di Lavaggio per la prima volta siamo rimasti un po' spiazzati, ci immaginavamo tutt'altra cosa e siamo immediatamente stati rapiti da queste atmosfere al limite fra il postrock, il cantaurato e profondamente oscure.

Sinceramente il disco si è rivelato una bellissima sorpresa, un album che a volte ci ha ricordato le sonorità di Manuel Agnelli o Giovanni Lindo Ferretti, e per gusto personale, un album che non mi è pesato ascoltare in italiano.  Lingua che negli ultimi anni mi convince sempre meno musicalmente.




 Ciclo di lavaggio è un disco composto da dieci tracce caratterizzato da suoni concentrici ed ipnotici e con testi altamente evocativi, ma come già abbiamo detto anche molto oscuri,  che rispecchiano la sua natura di poeta.

Tra i brani segnaliamo "La guerra dei fiori rossi", rilettura dell'omonimo film di Zhang Yuan (2006), che denuncia i metodi repressivi dell'educazione infantile in Cina, il testo si è arricchito delle suggestioni di Martines al ritorno da una visita ai campi di concentramento di Auschwitz e dello studio di Pastano su esperimenti inerenti l’utilizzo dell’Lsd, effettuati dalla CIA nel 1951 sul villaggio francese di Pont-Sant-Esprit: il risultato è un brano polisemico, aperto a molte chiavi di lettura.




Però la nostra preferita è Perla Nera, canzone che ci ha colpito subito dal primo ascolto.

E' importante quindi anche fare un passo indietro , e conoscere i primi due lavori dell'artista.
Nel 2009 è uscito il cd musicale "Frottole" (Dry-Art record), un disco di contaminazione tra pop, rock e teatro,







mentre il 2012 ha visto la nascita del secondo lavoro, "MeccanismoEstetico" (Liquido  Records / Dry-Art record), che potete ascoltare interamente su  Indie For Bunnies





 
Back To Top