TRENDING

giovedì 4 giugno 2015

Primavera Sound 2015, otro año más!

Ed eccoci qua, un'altro anno a Primavera finito, pronti a scrivere le nostre principali impressioni del primo festival a cui abbiamo assistito nel 2015.
Dopo questi 3 giorni sfiancati, il primo pensiero va al Sonar e all'idea di dover tornare a Barcellona fra poco più di due settimane, che in questo momento ci terrorizza, sopratutto dopo aver partecipato alla conferenza stampa di chiusura e aver scoperto che il prossimo anno il Primavera Sound sarà dal 2 di giugno. Se il Sonar ritorna ad essere intorno al 12, ci volete uccidere?!
L'anno scorso difendevo la teoria che il Primavera Sound mi piace un anno si e uno no, una teoria che era applicabile per gli altri anni quando il mio interesse principale era el "cabeza de cartel" ma non valida quest'anno. Quest'anno in generale la mia sensazione e' stata positiva, qualche concerto mi ha sorpreso incredibilmente bene, altri sono stati una terribile delusione..ma proprio il fatto di non avere un vero e proprio programma personale da seguire, me l'ha fatto vivere molto più tranquillamente rispetto agli altri anni.
Il Primavera con i suoi 125 concerti, i suoi 200 km da percorrere, le sue 175000 presenze e' diventato uno dei festival più grandi d'Europa ma sopratutto oltre ad essere una grande manifestazione musicale e' un must sociale.
Foto di Eric Pamies
Purtroppo come ogni anno e' complicato riuscire a vedere più' di 3 concerti al giorno veramente bene, a meno che uno non decida di rimanere sempre nello stesso scenario.
Come tutti i festival vale la regola che in meno si va, più' si ha possibilità di vedere qualcosa...ma proprio per la sua anima di evento sociale e' una norma che al Primavera e' difficile rispettare, e cosí si passa da stare in gruppi di 30 persone di amici di amici di amici (fra cui gira voce che ci sia gente arrivata via mare) e non potersi muovere aspettando sempre qualcuno, ad andartene un secondo al bagno e ritrovarti perdutamente solo, e con poco speranze di riunirti con qualcuno dei tuoi prima di 45 minuti se tutto va bene.
Siamo entrati giovedì alle 16 di pomeriggio per correre come matti per prendere i biglietti dei Battles, e siamo usciti domenica alle 6 e 15 della mattina dal recinto e ringraziando il cielo, un momento di lucidezza ci ha fatto cambiare idea e non andare all'after de "Los Chinos" per chiudere in bellezza questi 3 giorni. 
Io ho scoperto i Soft Moon, son rimasta delusa da Julian Casablancas & the V.O.I.D.Z, mi son ricreduta su Belle e Sebastian, sono impazzita con Tori Amos con cui per altro mi pento di non aver fatto una foto nella sala stampa, ma come sempre, quando penso al Primavera, penso ai Journey e Dj Coco, che ogni anno e' sempre l'ultima cosa che mi ricordo.
Abbiamo registrato tutto con la nostra Gopro, dall'apertura alla chiusura, passando per l'Apolo, gli Hidden stage e le conferenze stampe. Purtroppo la tecnologia non e' sempre amica, e son spariti tutti i video del primo giorno che sto provando a recuperare in qualsiasi modo, cosa che non mi permette ancora fare un video riassunto del festival intero.
Rispetto all'anno scorso, il Primavera sembra sempre uguale, gli stessi camerieri portoghesi, gli stessi palchi ma con qualche nome diverso.. da quando e' stata levata la ruota e si mantiene la struttura dei due palchi in fondo, il festival e' molto più' vivibile.
Gli organizzatori nella conferenza stampa hanno detto che il primo giorno erano venute 47000 persone, il secondo 55000, e il sabato erano previste 57000. Alla domanda se pensano aumentare la capienza del festival, grazie al cielo hanno risposto che no, che per ora la capacita' del forum era di 58000 e si poteva aumentare fino a 64000 ma non lo vedevano necessario.
A chi chiese perche' bisogna pagare per la prenotazione del posto nell'Auditori, hanno risposto che se no la gente prendeva i biglietti e l'Auditori rimaneva vuoto, mentre pagando la gente va.
E' assurdo peró e' cosi, anche alla Casa Encendida ora si pagano i corsi perche' quando erano gratis la gente non andava...
Tanto pubblico italiano, tantissimo. Normale. Se in Italia i festival sono il Lucca Summer Festival e il Rock in Roma che in realtà' son rassegne, dove vanno gli italiani se no?!?!?
Menomale che ultimamente si stanno proponendo nuove realtà musicali come il Zanne Festival a Catani.
Poca fila ai bar se non nei concerti principali, moltissimi bagni (in stato abbastanza pietoso) e nessun cambio di ticket o totem per comprare al bar. Mai comprare la birra dai mochillaman...12 euro per un mini fanno male..
I concerti più interessanti? Quelli del palco H&M, ma per i concerti vi lascio con i post dei riassunti quotidiani.
Dopo questo Primavera un'altra volta mi son ripetuta che dopo dieci anni questo era l'ultimo...ma passata una settimana e la "resaca" da Forum, già' lo so che non sará così.
E per ultimo, per la prossima edizione...occhio ai portafogli!!! E' la prima volta che vedo tanta gente derubata, anche se grazie al cielo la maggior parte della gente li ha ritrovati con i documenti ma senza soldi all'info point all'uscita del recinto.

E prima di iniziare con la cronaca di ogni serata, vi lasciamo con il riassunto del proprio Primavera Sound.


I nostri riassunti quotidiani:

 
Back To Top